Donboscoland

Violenza inammissibile contro 16 suore picchiate in Cina

Ancora violenze e arresti nella Repubblica popolare cinese. La Santa Sede condanna fermamente i due atti incresciosi. Sullo stato di salute delle 16 suore picchiate a sangue, alcune destano preoccupazione.


Violenza inammissibile contro 16 suore picchiate in Cina

da Attualità

del 01 dicembre 2005

Continuano le violenze e le discriminazioni a danno dei religiosi in Cina. Qualche giorno fa 16 suore sono state picchiate a sangue, mentre è di ieri la notizia dell'ennesimo arresto di 6 sacerdoti. Per questo il Vaticano ha diffuso una nota con cui si condanna fermamente 'i due atti incresciosi'. 'Si tratta di notizie che non si è in grado di verificare nell'esatta portata delle circostanze, ma che - ha affermato il portavoce Joaquin Navarro Valls - suscitano dolore e riprovazione. La violenza, usata a Xian contro alcune religiose inermi, non può non essere condannata fermamente. Anche la detenzione dei sei sacerdoti di Zhengding, come quella precedente di alcuni sacerdoti in altre località, è motivo di grave preoccupazione. Come in precedenti occasioni, non si conoscono le ragioni delle misure coercitive loro inflitte'.

 

Sulle 16 religiose picchiate a sangue, queste le ultime novità che giungono dall'agenzia cattolica Ucan. Sono stati 12 uomini a picchiare brutalmente le religiose in un convento nel nord della Cina. Dopo una settimana dall'episodio, cinque delle religiose sono ancora in ospedale. Una di loro è in gravi condizioni: potrebbe rimanere paralizzata. Un'altra ha perso l'uso della vista da un occhio; due riportano gravi fratture, e altre hanno riportato delle lievi contusioni al viso, alle braccia e al corpo.

 

La più grave è suor Dong Jianian, 42 anni. Ha riportato gravi lesioni vertebrali e i dottori temono che rimarrà paralizzata. Suor Qing Jing, 34 anni, potrebbe perdere l'uso di un occhio, mentre suor Yue Xiuying, 31 anni, suor Wang Maizhao, 32 e suor Zan Hongfeng, 34 anni, hanno riportato contusioni al viso.

Le suore stavano cercando di impedire la demolizione di una scuola che appartiene alla diocesi e che il governo della città ha venduto ad un'azienda.

Per alcuni giorni le religiose stavano facendo un sit-in nell'edificio scolastico vuoto. La sera del 23 novembre un gruppo di giovani è entrato e le ha colpite ripetutamente. 'Si è trattato di un grave episodio contro la vita e il lavoro di religiose', ha detto un sacerdote della diocesi di Xi'an all'Ucan.

'Le suore sono state colpite ripetutamente con dei bastoni', ha confessato una religiosa che ha chiesto di rimanere nell'anonimato. 'Alcuni uomini hanno urlato: 'uccidetele' - prosegue nel racconto la suora - il Convento è stato preso d'assalto. Poi abbiamo chiamato la polizia, ma non c'è stato nulla da fare'.

In segno di solidarietà, oltre 600 religiose e centinaia di fedeli, sono scesi in piazza e hanno manifestato per protestare contro simili atti disumani. Hanno marciato dalla Cattedrale di Wuxing, attraverso via Xida e il 'Bell Tower'.

Zhang Jianguo, segretario generale del governo di Xi'an ha visitato le cinque sorelle in ospedale e ha assicurato loro 3.000 yuan come indennità, pari a circa 370 dollari.

Serena Sartini

http://www.korazym.org

Mucha Suerte Versione app: 7ddd318