News 6

Un miliardario sta usando il suo denaro per salvare i rifugiati

Storia di Christopher Catrambone...


Un miliardario sta usando il suo denaro per salvare i rifugiati

del 17 settembre 2015

 

 

A 30 anni, il nordamericano Christopher Catrambone aveva già un conto bancario con oltre 10 milioni di dollari. Padrone di un’impresa che lavora con intelligence e assicurazioni in zone di conflitto, girava con la moglie il mar Mediterraneo nei dintorni di Malta quando la sua vita e quella di migliaia di estranei sono cambiate.

 

Nell’acqua galleggiava un giubbotto salvagente, e quando ha chiesto a colui che guidava lo yacht, un lavoratore locale, cosa fosse, si è trovato di fronte a una questione che fino a quel momento aveva ignorato: le migliaia di persone che partono dall’Africa e dal Medio Oriente tutti gli anni alla volta dell’Europa e muoiono in mare.

 

La gita in yacht è continuata, ma Catrambone non era più la stessa persona. Scioccato di fronte a quella realtà, ha deciso di usare metà delle proprie risorse per creare la MOAS (Migrant Offshore Aid Station), un’organizzazione non governativa che offre riscatto e cure a questi rifugiati, evitando che affoghino e muoiano.

 

Il primo passo è stato comprare una vecchia imbarcazione della Marina statunitense, imbarcazioni gonfiabili e droni. Con l’aiuto di un equipaggio di volontari, esperti in sicurezza e medici, è riuscito a salvare circa 3.000 persone solo nei primi mesi dell’operazione, nel 2014.

 

Se sei contrario a salvare vite in mare, allora sei un intollerante e non appartieni alla nostra comunità. Se permetti che il tuo vicino muoia nel tuo cortile, allora sei responsabile della sua morte”, ha affermato Catrambone al Daily Mail.

 

L’imprenditore, la moglie e la figlia passano l’estate e buona parte della primavera ad aiutare nelle operazioni di riscatto. In ogni missione, la nave della MOAS è informata della presenza di un’imbarcazione clandestina in pericolo. Usando i droni, si verifica la situazione e si effettua il soccorso. Barche gonfiabili, con bottiglie d’acqua e giubbotti salvagente, vengono inviate ai rifugiati, che poi sono ospitati sulla nave. Tutti i passeggeri vengono esaminati da volontari di Medici Senza Frontiere. Fatto questo, i migranti sono consegnati alle autorità governative, che autorizzano il loro ingresso nel Paese.

 

A differenza di ciò che pensano alcuni, la MOAS non ha l’intenzione di funzionare come un traghetto per l’Europa, ma di salvare la vita di persone disperate, che fuggono dalla guerra e da situazioni estremamente opprimenti.

 

Se un giorno diventerò povero e finirò per strada pazienza. Ma lo facciamo. E ne sono orgoglioso. Non mi pento di nulla”, ha concluso l’imprenditore.

 

In questo momento Catrambone avrebbe potuto stare a bere champagne sul suo yacht approfittando del sole di Malta, ma ha deciso di giocarsi tutto in una situazione complicatissima che è quella dell’immigrazione in Europa. Fa rabbrividire. Nonostante la sua ricchezza, le operazioni di riscatto costano caro e la MOAS è aperta a donazioni per dare continuità a quest’opera incredibile. Per ulteriori informazioni, clicca qui.

 

 

Hypeness [Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

http://it.aleteia.org

 

 

  • testo
  • giovani
  • adulti
  • educatori
  • catechisti
  • hypeness
  • roberta sciamplicotti
  • articolo
  • carità
  • rifugiati
  • migranti
  • profughi
  • povertà
  • vita

Mucha Suerte Versione app: f1cd754