News 5

Sabrina, Irene e Chiara: "tre madri d'Europa"

Tre i riconoscimenti assegnati dal Movimento per la vita in occasione della consegna del Premio europeo per la vita "Madre Teresa di Calcutta" alle madri d'Europa: uno a Sabrina Pietrangeli Saluzzi, presidente della “Quercia millenaria”, uno a Irene Bertoni, 90 anni, meglio conosciuta come “Mamma Irene”,...


Sabrina, Irene e Chiara: "tre madri d'Europa"

 

del 11 dicembre 2012

 

 

In occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, celebrata lo scorso 10 dicembre, al Campidoglio è stato consegnato il Premio europeo per la vita “Madre Teresa di Calcutta” alle madri d’Europa. Tre i riconoscimenti assegnati dal Movimento per la vita.

 

          Madre Teresa di Calcutta, “la matita nelle mani di Dio”, scrisse pagine indimenticabili a favore della vita. Nel 1979, ricevendo il Premio Nobel per la pace, parlò dell’aborto come del “più grande distruttore della pace”. “Se una madre può uccidere suo figlio – disse – chi impedisce agli uomini di uccidersi tra di loro?”. Più volte il suo nome è stato evocato alla consegna del Premio europeo per la vita, più volte nel corso degli interventi si è ribadito che non si può parlare del rispetto dei diritti umani se non si tutela la vita. Di grande interesse il racconto del ginecologo Giuseppe Noia che, ricordando i 53 milioni di aborti nel mondo ogni anno, ha spiegato le grandi novità che la medicina mette a disposizione per salvare il feto. Ha parlato di 15 bambini anencefali nati e delle loro mamme che hanno scelto di donare le cornee di questi piccoli.           Toccante la testimonianza di Enrico Petrillo, marito di Chiara Corbella, giovane mamma morta sei mesi fa a causa di un tumore, sopraggiunto quando era incinta, e dopo due gravidanze portate avanti nonostante le malformazioni dei suoi figli. Una storia che ha colpito molto l’opinione pubblica: in proposito il sindaco della capitale, Gianni Alemanno, ha deciso che a Chiara Corbella sarà intitolata una strada oppure una scuola.

          Enrico Petrillo: "Chiara è semplicemente una madre: una madre eroica ma, se vogliamo, l’eroismo di Chiara lo vedono più i non-credenti che i credenti. O siamo cristiani veramente, oppure siamo mediocri. Chiara non è stata semplicemente mediocre". Questo premio è ispirato a Madre Teresa di Calcutta. C’è stata questa presenza nella vostra coppia?

          Sicuramente, sì. C’è stata perché con Chiara ogni Natale andavamo a dare da mangiare ai poveri all’istituto di Madre Teresa di Calcutta al Palatino. Spero di continuare a farlo anche senza di lei … Una volta lei ha avuto anche la fortuna di incontrarla, un incontro in cui non è accaduto nulla di particolare, ma soltanto la sua presenza toccava i cuori”. 

          Alla memoria di Chiara è andato uno dei premi assegnati dal Movimento per la vita, un altro è stato conferito a Sabrina Pietrangeli Saluzzi, presidente della “Quercia millenaria”, associazione che assiste mamme in difficoltà proponendo ove possibile la cura in utero o l’accompagnamento del bambino ritenuto “incompatibile per la vita”.

Un lavoro che sta portando ad un vero e proprio cambiamento culturale:

          “Noi siamo attivi dal 2004, cioè esattamente un anno dopo la nascita di nostro figlio Giona. Quindi, otto anni di lavoro, centinaia di famiglie viste, centinaia di bambini salvati dall’aborto, curati anche prima della nascita, che oggi stanno bene in braccio alle loro mamme. Il cambiamento si vede: noi vediamo proprio la reazione delle persone. Prima – quando parlavamo di accompagnamento, di accoglienza di figlio con handicap o di bambino terminale – c’era proprio una risposta meravigliata, come fosse un assurdo di cui si parlava, oggi vediamo che le persone sono più ricettive, anche perché le famiglie che fanno questa scelta si moltiplicano e pure i medici, che prima erano più inclini all’aborto, stanno facendo molti passi indietro. Tant’è che l’obiezione di coscienza sta aumentando”.

 

La “Quercia millenaria” nasce dall’esperienza personale di Sabrina Pietrangeli Saluzzi che, grazie alla fede, ha scelto di impegnarsi sempre di più:

 

          "Durante la nostra gravidanza siamo stati molto soli. Abbiamo fatto una scelta, caricandola tutta sulle nostre spalle. Ci sono stati dei buchi assistenziali enormi nei vari mesi che ho passato con mio figlio appena nato negli ospedali, da lì ho maturato il desiderio di poter essere di aiuto alle mamme, che non avevano nemmeno il supporto della fede, come invece l’avevo io, e questa fede mi stava supportando in modo forte! Per questo ho desiderato veramente di mettermi a servizio di queste mamme, facendo scelte che hanno poi coinvolto non solo il nostro piano familiare (noi abbiamo tre figli), perché adesso giriamo tanto, ma ci ha coinvolti anche dal punto di vista professionale, perché ho lasciato un lavoro retribuito per dedicarmi al no-profit”.

 

          Il premio consegnato – una mamma che stringe al cuore il proprio figlio – è stato dato anche a Irene Bertoni, 90 anni, meglio conosciuta come “Mamma Irene”. A 14 anni la fuga da casa per andare ad aiutare Don Zeno, fondatore di Nomadelfia, poi il rientro in famiglia e la scelta di dedicare tutta la sua vita ai bimbi abbandonati e soli:

 

          “Io 'ho avuto' 58 figli, tutti piccoli, però! Loro hanno bisogno di tutto: hanno bisogno della carezza, del bacio, di essere un po’ sgridati … hanno proprio bisogno di tutto questo! Perché la donna, è diversa: il Signore ha messo dentro al nostro cuore un qualcosa di grande … Io penso che nessuna persona, per quanto intelligente, sia capace di spiegare quello che c’è dentro il cuore di una mamma. Di una vera mamma”.

 

Particolare il suo rapporto con diversi Pontefici che hanno mostrato interesse per il suo lavoro. ancota "Mamma Irene":

 

          “Pio XII è stato un grande uomo. A Giovanni XXIII ho portato uno dei figli che ha avuto una forma di malattia infettiva. Paolo VI non ho fatto in tempo a conoscerlo. Giovanni Paolo II ci ha aiutato moltissimo. Benedetto XVI, l’ho incontrato il 13 gennaio e lui mi ha detto: ‘Lei dev’essere una guardia molto attenta al carisma del fondatore. Voi, il vostro amore di maternità, l’avete proprio trasmesso, non solo: l’avete inculcato nel cuore dei vostri figli!’. Io, sinceramente, se dovessi tornare ai miei 18 anni, rifarei tutto daccapo!”.

 

 

Benedetta Capelli

 

http://it.radiovaticana.va

 

 

  • testo
  • articolo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • benedetta capelli
  • madri
  • europa

Mucha Suerte Versione app: f1cd754