News 2

Percorso mistico

Quasi tutte le pagine scritte da Charles de Foucauld non nascono per essere pubblicate. Si tratta di lettere indirizzate a intimi, o meditazioni che egli scriveva per ordine del suo direttore spirituale. Ci sono i tentativi di redigere alcune Regole per la Congregazione dei 'Piccoli Fratelli', progetti che non hanno avuto, in vita, alcun esito. Del testo citato in Bibliografia sono i seguenti passaggi. È stato dato il titolo che appare e le pagine relative. I testi non sono stati sempre citati per intero.


Percorso mistico

da L'autore

del 14 novembre 2006

'Io sarò felice della vera felicità'

«Tu mi dici che io sarò felice, felice della vera felicità, felice nell'ultimo giorno... che per quanto miserabile sia, sono una palma sulla sponda delle acque vive, delle acque vive della Volontà divina, dell'Amore divino, della Grazia... e che darò il mio frutto a suo tempo. Tu Ti degni consolarmi: io mi sento senza frutto, io mi sento senza buone opere, io mi dico: mi sono convertito da undici anni, e che cosa ho fatto? Quali erano le opere dei santi, e quali sono le mie? Io mi vedo le mani vuote di bene. Tu ti degni consolarmi: produrrai frutto a suo tempo, mi dici... Qual è questo tempo? Il nostro tempo, di noi tutti, è l'ora del Giudizio: Tu mi prometti che se persisto nella buona volontà e nel combattimento, per quanto povero mi vedo, avrò frutti in quest'ultima ora... E Tu aggiungi: sarai un bell'albero dalle foglie eternamente verdi, e tutte le tue opere avranno un esito felice, produrranno frutto per l'eternità. [...] Grazie, o mio Dio, per le tue consolazioni di cui i nostri poveri cuori hanno tanto bisogno» [p. 741].

 

'Ed ecco io sono con voi sino alla fine del mondo' (Mt 28,20)

«O mio Dio come sono dolce, come sono divinamente dolci, sono proprio le parole del tuo Cuore... Sempre con noi mediante la Santa Eucaristia, sempre con noi mediante la tua grazia, sempre con noi mediante l'immensità della tua Essenza divina che ci riempie, sempre con noi mediante la tua Scienza che ci vede senza sosta, sempre con noi mediante il tuo Amore, il tuo Cuore che ci ama senza sosta... Poiché Tu sei sempre con noi mediante il tuo Amore, il tuo Cuore, stiamo sempre con Te per mezzo del nostro: tutti i battiti del nostro cuore siano per Te... Che noi Ti amiamo in modo unico, cioè Ti amiamo senza limiti, all'infinito, con tutta la nostra forza e in vista di Te solo, non in vista di noi, ma in vista di Te solo, e amiamo le creature, sia noi sia il prossimo, soltanto in vista di Te, come Tu vuoi, quanto Tu vuoi... Che non respiriamo che per amarTi, che tutti i nostri pensieri, le nostre parole, le nostre azioni siano ispirati dal tuo amore e tali da piacere quanto più ci è possibile al tuo Cuore, che tutti gli istanti della nostra esistenza siano consacrati ad amarTi il più possibile...» [p.735 ss.]

 

'Vocazione'

«Quando desideriamo seguire Gesù, non meravigliamoci se egli non ce lo permette subito, o anche se non ce lo permette mai: e ciò, nonostante che questo desiderio sia legittimo, conforme ai suoi stessi consigli, gradevole al suo cuore, ispirato da lui. In verità egli vede più lontano di noi e vuole non solamente il nostro bene, ma quello di tutti: seguendolo passo per passo, forse non procureremmo altro che il nostro bene o quello di un piccolo numero; andando invece dov'egli ci manda e facendo la sua volontà e standogli uniti solo con l'anima, senz'avere la consolazione di seguirlo altrettanto da vicino nella nostra vita esterna, noi procuriamo forse il bene d'un gran numero di persone. Egli preferisce il bene generale al bene particolare, tanto più che il bene particolare verrà ottenuto con questo mezzo non solo altrettanto efficacemente ma ancor meglio che seguendo lui: perché questo bene particolare non proviene che dalla sua grazia, e dipende da lui l'arricchire di grazie due volte maggiori e il rendere due volte più santo in questa vita e nell'altra il Geraseno che cammina al suo seguito e condivide la sua vita... La vera perfezione, del resto, sta nel fare la volontà di Dio. Chi oserà dire che la vita contemplativa è più perfetta della vita attiva, o viceversa, dal momento che Gesù ha condotto sia l'una che l'altra? Una sola cosa è veramente perfetta, è il fare la volontà di Dio... La vera, l'unica perfezione non sta nel condurre questo o quel genere di vita, ma nel fare la volontà di Dio; sta nel condurre il genere di vita che Dio vuole, dove Egli vuole, e nel condurlo come l'avrebbe condotto Lui stesso...» [p. 196].

 

'Il discepolo non è da più del Maestro'

'Il discepolo non è da più del Maestro: si è perfetti quando si è come il proprio maestro' (Lc 6, 40). 

«Non cerchiamo di essere più perfetti di Gesù, non cerchiamo di praticare le virtù meglio di Lui, non crediamo di poter fare una qualunque cosa meglio di come Lui l'ha fatta. ImitiamoLo, dunque, in tutto, poiché facendo in modo diverso da Lui faremo necessariamente meno bene. 'La perfezione sta nel fare come il maestro', credere che si possa fare meglio è follia: pratichiamo quindi le virtù come le ha praticate Lui, facciamo il bene come l'ha fatto Lui, noi che vogliamo fare nel modo più perfetto, perché facendo altrimenti faremo meno bene: 'La perfezione sta nel fare come il maestro'. Non cerchiamo più alte virtù, sarebbe follia: nulla è più alto di Dio, più perfetto di Dio... Voler essere più santi di Gesù sarebbe debolezza, più severi sarebbe durezza, più austeri sarebbe tentare Dio, più poveri sarebbe stranezza e cattivo esempio. Una maggiore perfezione, in qualunque cosa, sarebbe orgoglio immenso ed insensato. Imitiamo quindi Gesù, poiché vogliamo essere perfetti e ci è impossibile trovare nulla che sia più perfetto di Lui; 'la perfezione sta nell'essere come il maestro'. E siccome è follia e peccato anche solo pensare che sia possibile essere in una qualche cosa più perfetti di Lui: 'Chi è mai come Dio?', non cerchiamo di essere agli occhi degli uomini più grandi di Gesù... Il nostro Maestro è stato disprezzato, il servo non deve essere onorato; il Maestro è stato povero, il servo non deve essere ricco; il Maestro è vissuto col lavoro delle sue mani, il servo non deve vivere con le proprie rendite; il Maestro andava a piedi, il servo non dovrebbe andare a cavallo; il Maestro stava in compagnia dei piccoli, dei poveri, degli operai, il servo non deve stare insieme ai grandi signori; il Maestro è passato per un operaio, il servo non deve passare per un grande personaggio; il Maestro è stato calunniato, il servo non dev'essere lodato; il Maestro è stato mal vestito, mal nutrito, male alloggiato, il servo non deve essere ben vestito, ben nutrito, ben alloggiato; il Maestro ha lavorato, s'è affaticato, il servo non deve riposarsi; il Maestro ha voluto apparire piccolo, il servo non deve voler apparire grande... Imitiamo Gesù in tutto, sta qui la perfezione: Gesù è Dio... Dio è perfetto... Tutto ciò che Gesù ha fatto, tutto ciò che Egli  stato, è stato perfezione... Noi siamo creature necessariamente imperfette, sempre ed in tutto; mai possiamo raggiungere la perfezione, non possiamo dunque avvicinarci maggiormente ad essa, noi che siamo così imperfetti, che imitando il più possibile Colui che lo è sempre, il nostro Dio Gesù! Conformandoci a Gesù, noi ci conformiamo alla perfezione; conformandoci ad un ideale diverso da Gesù, noi ci conformiamo ad un ideale inferiore alla perfezione (perché, nature limitate ed imperfette, siamo nell'assoluta impossibilità di concepirne altre se non imperfette...)» [pp. 190-191].

 

La quiete nell'anima

'Sgridò il vento e disse al mare: Taci, calmati. E cessò il vento e ci fu grande quiete' (Mc 4, 39). 

«Speriamo! Il divino Maestro è nel fondo della nostra anima così come nel fondo della barca di Pietro... Talvolta sembra che dorma ma è sempre lì; pronto a salvarci, pronto ad esaudire la nostra richiesta, aspettando, per dire al mare: 'Taci', nient'altro che la nostra invocazione o qualche volta il momento più favorevole per la nostra anima. Con una parola Egli può sempre calmare tutte le burrasche, allontanare tutti i pericoli e far seguire ad angosce mortali una grande quiete... Preghiamo sempre! Più la tempesta ci agita, più dobbiamo levare il cuore e le mani verso Lui solo. E pregando, abbiamo in noi un'invincibile speranza.» [p. 144].

 

Ges√π ci ama eternamente

Lettera a Maria de Bondy, Tamanrasset, 1 settembre 1910 

«È la solitudine che aumenta. Ci si sente sempre più soli al mondo. Gli uni sono partiti per la Patria, gli altri hanno la vita sempre più separata dalla nostra; ci si sente come l'oliva rimasta sola in cima a un ramo, dimenticata, dopo il raccolto; alla nostra età, questo paragone della Bibbia torna spesso alla mente... Ma Gesù rimane: Gesù, lo Sposo immortale che ci ama come nessun cuore umano può amare; rimane ora, rimarrà sempre. Ci ha sempre amati, ci ama in questo istante, ci amerà fino al nostro ultimo respiro; e se non respingiamo il suo amore ci amerà eternamente. Caritate perpetua dilexi te, miserans (Ger 31, 3). Madre mia tanto cara, noi non siamo da compiangere, noi non siamo soli, noi non siamo dimenticati; noi abbiamo lo Sposo più tenero, più innamorato, più perfetto, che ci ama e ci amerà sempre come nessun essere umano ci ha amati...» [pp. 671-672].  

 

L'amore prima delle opere

Lettera a Maria de Bondy, Tamanrasset, 20 maggio 1915 

«Comprendo bene quanto è per voi duro non poter essere utile in qualche modo attivo in questi giorni come vorreste: ma il Buon Dio è migliore giudice di noi; noi siamo portati a mettere al primo posto le opere, i cui effetti sono visibili e tangibili; Dio dà il primo posto all'amore e poi al sacrificio ispirato dall'amore e all'obbedienza derivante dall'amore. Bisogna amare ed obbedire per amore, offrendosi come vittime insieme a Gesù come a Lui piacerà: sta a Lui far conoscere se vuole per noi la vita di san Paolo o quella di santa Maddalena; Egli vuole per voi, con l'isolamento in cui vi mette, la vita di santa Maddalena, l'amore, l'obbedienza e il sacrificio, l'adorazione, la vita interiore, con meno opere esterne che se vi lasciasse il mezzo di dedicarvici. Si è veramente utili al prossimo, che Dio ama più di quanto noi possiamo amarlo, solo obbedendo fedelmente alla volontà del divino Ordinatore, vedendo bene il posto in cui Egli ci vuole, le opere che vuole da noi e facendole nel miglior modo in cui possiamo, non perfettamente, senza dubbio, perché la perfezione non è delle creature. Nulla sarebbe più triste dell'esser ciechi e contenti di sé: 'l'umiltà è verità'. Riconoscendo la nostra miseria e la nostra insufficienza, cerchiamo senza sosta di fare la volontà del Beneamato, contando non solo sulla sua misericordia e sulla sua pietà, ma anche sul suo amore per la nostra povera anima: 'caritate perpetua dilexi te'. Egli sa con quale fango siamo formati, Egli ci ama, Egli ci dà la grazia, la sua grazia, Egli è il buon pastore, sempre in cerca della sua pecora... Come prima cosa, ho bisogno di mettermi spesso dinanzi a queste verità, per consolarmi d'esser così nullo in quanto ad attività esterna e così meschino in quanto a vita interiore...» [pp. 677-678].

Charles de Foucauld

Mucha Suerte Versione app: 513c99e