Donboscoland

Natale è una rottura perché... SERIE: D'amore si muore, di speranza si vive

In questi giorni stiamo sicuramente ricomponendo il presepio nelle nostre case, nelle chiese, nei bellissimi angoli delle nostre antiche città e borgate. Ci mettiamo tutti i personaggi classici della storia, più o meno citati dal Vangelo: i pastori, Giuseppe e Maria, il bue e l'asino... I ragazzi spesso lo cominciano, poi si stancano e qualcuno deve finire questo presepio...


Natale è una rottura perché... SERIE: D'amore si muore, di speranza si vive

da L'autore

del 22 dicembre 2005

AUDIO

 

 

In questi giorni stiamo sicuramente ricomponendo il presepio nelle nostre case, nelle chiese, nei bellissimi angoli delle nostre antiche città e borgate. Ci mettiamo tutti i personaggi classici della storia, più o meno citati dal Vangelo: i pastori, Giuseppe e Maria, il bue e l’asino… Poi aggiungiamo molto del nostro: le nostre tradizioni, i nostri personaggi caratteristici; all’Epifania arriveranno i Re Magi ma nella notte di Natale ci mettiamo il Bambinello che i nostri ragazzi in queste domeniche hanno portato in chiesa per farli benedire. Ci si applicano con pazienza i papà che pure tornano stanchi dal lavoro, le mamme, i giovani.

I ragazzi spesso lo cominciano, poi si stancano e qualcuno deve finire questo presepio. Ci si applicano artisti e associazioni… Insomma il presepio è un luogo di convergenza di storia, fede, tradizioni, sentimenti di bontà, ricerca di identità umana e religiosa.

Ma non fa parte del presepio, perché abita lontano, ha già incontrato Gesù ancor prima di nascere e lo introdurrà tra la gente che lo aspetta senza conoscerlo alle rive del Giordano… un altro grande personaggio legato però alla nascita di Gesù: è Giovanni il Battezzatore. Nel presepio non c’è, ma aleggia la sua presenza ovunque. E’ stato accolto da poco nella sua grande famiglia: Elisabetta l’aveva aspettato con tanta apprensione alla sua età, dopo che aveva già sepolto velleità e speranze ma aveva avuto fiducia in Dio e quel Dio che aveva sorpreso Zaccaria, piuttosto malfidente, ma non Elisabetta, che era sempre stata pronta ad accogliere, ora sorprende ancora di più.

Si tratta di dare un nome a questo bambino inaspettato e regalato, e si va nelle memorie della famiglia: ognuna aveva la sua genealogia, ed era bello continuare a ricordare e a far rivivere il passato, ma qui c’è una decisa rottura: Zaccaria lo vuol chiamare Giovanni. Il mondo non va più avanti come prima: la venuta di Cristo è un salto di qualità, come lo deve essere per noi il Natale, è una rottura col passato, si porta dentro novità di vita. Non è una rottura perché saremo obbligati a qualche gesto religioso di convenienza, per far contenti i nonni almeno una volta l’anno: Natale è una rottura perché è un’altra chiamata alla vera speranza.

Dove la trovo?

mons. Domenico Sigalini

http://www.donboscoland.it/materiale/download.pax?id=680

Mucha Suerte Versione app: 5fe258a