Donboscoland

L30 Al signor Carlo Buzzetti (Lettera di Madre Mazzarello)


L30 Al signor Carlo Buzzetti (Lettera di Madre Mazzarello)

da Spiritualità Salesiana

del 12 maggio 2005

L30 Al signor Carlo Buzzetti

Nizza Monf.[errato], 10 Nov.[embre] 1879

Viva Maria Ausiliatrice!

Onorevole Signore,1

1. Le includo qua entro la nota del corredo che ha dato a sua figlia suor Angiolina affinché‚ se ne possa servire, se vuole, per norma onde provvedere quello della Clotilde;2 vedrà pure notato ciò che quest'ultima ha già presso di sé.

2. Ella desidera pure sapere il giorno che sono entrate le sue figlie, non è vero? Se non erro, [sono] entrate il giorno 6 Luglio e la Marietta tornò a casa un mese dopo, cioè il giorno 4 di Agosto; la Clotilde sarebbero dunque quattro mesi che trovasi qui.

3. Si accerti, o Signore, che la figlia sua è sempre allegra, tranquilla e contenta di trovarsi in questa santa casa ove spera consacrarsi al Signore. Per quanto io posso, coll'aiuto di Dio e coll'esperienza conoscere, parmi sia veramente chiamata a seguire l'esempio della sorella suor Ang.[iolina].3 Di salute sta bene e del resto studia e lavora non dimenticando neppure di pregare pei suoi genitori a cui deve tutta la sua riconoscenza per i sacrifici che fanno per essa.

4. Stiano dunque tranquilli su questo punto e credano che Iddio li compenserà dei loro sacrifici e dell'offerta che gli fanno della loro famiglia.

5. Tanti saluti alla sua signora e mille cose affettuose a Maria anche da parte di suor Ang.[iolina] che trovasi per alcuni giorni a Genova.

Gradisca coi miei, i rispetti del Signor Direttore e mi creda sua

 

Devot.ma Serva

Suor M. Mazzarello

1 Carlo Buzzetti è una figura molto legata alla persona e all'opera di don Bosco. Conobbe il Santo nel 1841 quand'egli, ragazzino muratore, frequentava l'incipiente oratorio e ne divenne uno dei più assidui frequentatori. Da adulto fu il principale sostegno di don Bosco nella costruzione di chiese e di istituti educativi. La figlia suor Angiolina, allora giovane professa, diverrà economa generale dell'Istituto delle FMA.

2 Clotilde aveva allora 18 anni e desiderava anche lei essere FMA. Farà infatti professione il 20 agosto 1881. Fu tra le prime FMA a conseguire presso l'Università di Genova (31 dicembre 1892) il diploma di abilitazione per l'insegnamento delle materie letterarie nella scuola secondaria.

3 Madre Mazzarello dimostra di possedere un'acuta perspicacia nel discernere le vocazioni e, al tempo stesso, un atteggiamento umile e discreto nel rapporto con le famiglie.

Mucha Suerte Versione app: 513c99e