Donboscoland

Il mandato ai giovani

Era il 1978, l'8 novembre. Giovanni Paolo II consegnò per la prima volta ai giovani il mandato ripetuto in tutto il suo pontificato: mettersi alla ricerca della verità, cercare un rapporto personale con Cristo.


Il mandato ai giovani

da Teologo Borèl

del 07 aprile 2005

Voi siete la promessa del domani.

 

Contemplandovi, penso con trepidazione e con fiducia a ciò che vi attende nella vita e a ciò che sarete nel mondo di domani, e desidero lasciarvi, come viatico per la vostra vita, tre pensieri:

 

– cercate Gesù,

– amate Gesù,

– testimoniate Gesù. 

 

1. Prima di tutto, “cercate Gesù”! 

 

Oggi meno che mai ci si può arrestare ad una fede cristiana superficiale o di tipo sociologico; i tempi, voi ben lo sapete, sono cambiati. L’aumento della cultura, l’influenza continua dei “mass media”, la conoscenza delle vicende umane passate e presenti, l’aumento della sensibilità e dell’esigenza di certezza e di chiarezza sulle verità fondamentali, la presenza massiccia nella società e nella cultura di concezioni atee, agnostiche e anche anticristiane, reclamano una fede personale, e cioè ricercata con l’ansia della verità, per essere poi vissuta integralmente. 

 

Bisogna cioè giungere alla chiara e certa convinzione della verità della propria fede cristiana e cioè, in primo luogo, della storicità e della divinità di Cristo e della missione della Chiesa da lui voluta e fondata.  Cercare Gesù personalmente, con l’ansia e con la gioia di scoprire la verità, dà una profonda soddisfazione interiore e una grande forza spirituale per mettere poi in pratica ciò che egli esige, anche se costa sacrificio. 

 

2. In secondo luogo, vi dico: amate Gesù! 

 

Gesù non è un’idea, un sentimento, un ricordo! Gesù è una “persona” sempre viva e presente con noi! 

 

– Amate Gesù presente nell’Eucaristia. Egli è presente in modo sacrificale nella Santa Messa, che rinnova il Sacrificio della Croce.Andare a Messa significa andare al Calvario per incontrarci con lui, nostro Redentore. Egli viene in noi nella Santa Comunione e rimane presente nei Tabernacoli delle nostre Chiese, perché egli è il nostro amico, è l’amico di tutti e desidera essere particolarmente l’amico e il sostegno nel cammino della vita di voi ragazzi e giovani, che siete così bisognosi di confidenza e di amicizia. 

 

– Amate Gesù presente nella Chiesa, mediante i suoi sacerdoti; presente nella famiglia, mediante i vostri genitori e coloro che vi amano. 

 

– Amate Gesù presente specialmente in chi soffre, in qualunque maniera: fisicamente, moralmente, spiritualmente. Sia vostro impegno e programma amare il prossimo scoprendo in lui il volto di Cristo. 

 

3. E infine, vi dico: testimoniate Gesù con la vostra fede coraggiosa e con la vostra innocenza. 

 

È vano lamentarsi della malvagità dei tempi. Come già scriveva San Paolo, bisogna vincere il male facendo il bene (Rm 12,21). Il mondo stima e rispetta il coraggio delle idee e la forza delle virtù. Non abbiate paura a rifiutare parole, gesti, atteggiamenti non conformi agli ideali cristiani. Siate coraggiosi nel respingere ciò che distrugge la vostra innocenza o incrina la freschezza del vostro amore a Cristo. 

Cercare, amare, testimoniare Gesù! Ecco il vostro impegno; ecco la consegna che vi lascio!    

http://www.korazym.org

Mucha Suerte Versione app: 513c99e