News 5

Il film L'Ultima Cima presto in Italia

Il film L'Ultima Cima, in Spagna ha avuto una diffusione e un successo straordinario con il semplice passaparola. Ha superato come numero di spettatori Sex & the City e Harry Potter, e tanto per aggiungere una notizia di poco conto, è diventato il documentario spagnolo più visto della storia del cinema iberico. Di cosa parla il film?


Il film L’Ultima Cima presto in Italia

 

del 22 marzo 2013

 

          Il film "L'ULTIMA CIMA", un documentario su Pablo DomiÃÅnguez, sacerdote madrileno morto nel febbraio del 2009 in un incidente, mentre scendeva dalla cima del Moncayo. Aveva 42 anni. Non eÃÄ facile trovare oggi, nei mezzi di comunicazione, modelli di buoni sacerdoti. Invece, abbondano informazioni esaustive e dettagliate, su sacerdoti che danno scandalo con il loro cattivo esempio. Sappiamo quasi tutto su di loro, grazie al lavoro di molti giornalisti, sceneggiatori e registi.           L'ULTIMA CIMA mostra un tipo di sacerdote di cui nessuno parla: generoso, allegro, attivo, umile... Sacerdoti che servono Dio nell'anonimato, servendo il prossimo. Pablo eÃÄ stato semplicemente un buon sacerdote. Avendo visto come L'ULTIMA CIMA riesca a commuovere nel profondo tutti i tipi di spettatori (credenti e non credenti), t'invitiamo a vedere il film nei cinema. Ecco qui il trailer:

 

Riportiamo una lettera ricevuta da Costanza Miriano che ci ha colpito per i contenuti e per l’autentico entusiasmo.

Cara Costanza

          mi chiamo Francesco e sono un ragazzo fiorentino di 29 anni. Da circa un anno e mezzo, mi sono imbattuto in qualcosa… diciamo meglio in una proposta che mi ha davvero cambiato il modo di vedere le cose. Sono in contatto con un regista spagnolo, Juan Manuel Cotelo, che nel 2009 ha creato una casa di produzione che si chiama Infinito+Uno.

          Già il nome è tutto un programma. Sì perché questa casa di produzione è nata con l’unico scopo di parlare di un argomento noto a tutti, ma che disturba a molti: Dio. Che sia attraverso un film, un documentario, una pubblicità, alla fine del salmo, il protagonista è sempre Dio. Uno potrà pensare: “Certo che se tutte le volte che vedi un film di questi, il protagonista è sempre lo stesso… ne vedi uno, li vedi tutti!” Potenzialmente è così. Ma il regista in questione è uno di quei soggetti per i quali quando ci parli dici: “Cavolo, di questo se ne parlerà in futuro..”.

          Nel 2010 è uscito il suo primo lungometraggio importante, L’Ultima Cima, che in Spagna ha avuto una diffusione e successo quasi virali. Come? Senza spendere praticamente 1€ in pubblicità, ma con il semplice passaparola. Uscito in 4 sale di Madrid, nel giro di 10 giorni è arrivato a 80 sale e dopo due settimane è salito a 168 sale in tutta la Spagna, in alcune delle quali è rimasto per 5 mesi in cartellone. Ha superato come numero di spettatori Sex & the City e Harry Potter, e tanto per aggiungere una notizia di poco conto, è diventato il documentario spagnolo più visto della storia del cinema iberico. Di cosa parla il film? Di un prete, Pablo Dominguez, che ha avuto come protagonista della sua vita sacerdotale Dio. Diremmo: “Per forza, chi volevi che avesse?” ma non è una cosa scontata, anche se dovrebbe essere così per tutti i consacrati.

          Il 15 Febbraio del 2009 però, è successo qualcosa: durante una scalata in montagna, Pablo è caduto ed è morto. Il film, attraverso il racconto di parenti, amici, compagni di seminario, vescovi, gente lontana dalla Chiesa che lo conosceva, delinea una figura sacerdotale a cui le televisioni e i mass media ci hanno disabituato: un sacerdote innamorato della sua vocazione, ovvero di Cristo, che sapeva vedere il buono in tutte le situazioni, dico TUTTE, e riusciva a fare innamorare di Cristo chiunque incontrasse. Ovviamente in Italia questo film non è uscito e se ne sa nulla o poco. Per caso, un anno fa, ho scoperto questo titolo tramite un’amica che commentava una delle solite foto che girano su Facebook sull’anello del Papa che risolleverebbe le sorti del Terzo Mondo, del Pianeta e forse anche della Luna. Mi sono un po’ informato in rete.

          Ho comprato il DVD in spagnolo e dopo aver finito di vedere il film, mi sono detto: “Questo deve uscire anche in Italia.” Mi sono messo di tutto punto a creare i sottotitoli in italiano (premetto che mia madre è colombiana, sennò non ci sarei riuscito davvero), ci ho messo anche parecchio, ma di fatto li ho scritti. Per arrivare al dunque: ho conosciuto il regista, mi ha voluto dare carta bianca per la diffusione del film e, dopo tante peripezie, il 16 di Marzo è uscito in anteprima nazionale in una sala di Firenze . Credo che questo film sia una bomba atomica di grazia, sia dal punto di vista tecnico ma soprattutto dei contenuti, che non ti anticipo, perché il trailer è più esplicativo di tanti discorsi o critiche cinematografiche.

          Mi piacerebbe che tutti riuscissero a vederlo nelle loro città anche qui da noi in Italia. E un sistema ci sarebbe: se in Spagna il passaparola è stato così efficace, forse anche il passaparola italiano potrà essere altrettanto contagioso?

          Comunque, scusa per il fiume di parole, ma nonostante io abbia bussato a 3.000 e abbia ricevuto solo portoni chiusi, non mi arrendo. Il valore quando è troppo è troppo, e in questo film ce n’è veramente tanto per stare fermi a goderne in solitudo.

Un cordiale saluto Francesco

 

Francesco

 

http://www.laultimacima.com

 

  • testo
  • articolo
  • adolescenti
  • giovani
  • adulti
  • francesco
  • film
  • cinema
  • italia
  • ultima cima
  • trailer
  • documentario

Mucha Suerte Versione app: f1cd754