Donboscoland

I jeans a vita bassa delle quindicenni

«Professore, ma non ha capito che oggi solo pochissimi possono permettersi di avere una personalità? [...] Noi possiamo solo comprarci delle mutande uguali a quelle di tutti gli altri, non abbiamo nessuna speranza di distinguerci».Apparso alcuni giorni fa su Repubblica, ripresentiamo I jeans a vita bassa delle quindicenni con una risposta di una diaciasettenne che non condivide la visione dei giovani presentata e un ulteriore contributo dal titolo La vita bassa dei teenager “stregati dai protagonisti tv”. E tu... che ne pensi?


I jeans a vita bassa delle quindicenni

da Attualità

del 01 gennaio 2002

I jeans a vita bassa delle quindicenni

di MARCO LODOLI

Insegnare a scuola mette in contatto con le verità del giorno: è come raccogliere uova appena fatte, ancora calde, magari con il guscio un po' sporco. Gli storici interrogano i secoli, ma in una classe di una qualsiasi periferia italiana si ascolta il battere dei secondi. Ebbene, oggi una ragazza di quindici anni, un'allieva che non aveva mai rivelato una particolare brillantezza, ha fatto una riflessione che mi ha lasciato a bocca aperta.

Eravamo negli ultimi dieci minuti di lezione, quelli che spesso si spendono in chiacchiere con gli alunni. La ragazza raccontava di volersi comprare un paio di mutande di Dolce e Gabbana, con quei nomi stampati sull'elastico che deve occhieggiare bene in vista fuori dai pantaloni a vita bassa. Io le obiettavo che lungo la Tuscolana, alle sei di pomeriggio, passeggiano decine e decine di ragazze vestite così.

Non è un po' triste ripetere le scelte di tutti, rinunciare ad avere una personalità, arrendersi a una moda pensata da altri? E da bravo professore un po' pedante le citavo una frase di Jung: 'Una vita che non si individua è una vita sprecata'. Insomma, facevo la mia solita parte di insegnante che depreca la cultura di massa e invita ogni studente a cercare la propria strada, perché tutti abbiamo una strada da compiere.

A questo punto lei mi ha esposto il suo ragionamento, chiaro e scioccante: 'Professore, ma non ha capito che oggi solo pochissimi possono permettersi di avere una personalità? I cantanti, i calciatori, le attrici, la gente che sta in televisione, loro esistono veramente e fanno quello che vogliono, ma tutti gli altri non sono niente e non saranno mai niente. Io l'ho capito fin da quando ero piccola così. La nostra sarà una vita inutile. Mi fanno ridere le mie amiche che discutono se nella loro comitiva è meglio quel ragazzo moro o quell'altro biondo. Non cambia niente, sono due nullità identiche. Noi possiamo solo comprarci delle mutande uguali a quelle di tutti gli altri, non abbiamo nessuna speranza di distinguerci. Noi siamo la massa informe'.

Tanta disperata lucidità mi ha messo i brividi addosso. Ho protestato, ho ribattuto che non è assolutamente così, che ogni persona, anche se non diventa famosa, può realizzarsi, fare bene il suo lavoro e ottenere soddisfazioni, amare, avere figli, migliorare il mondo in cui vive. Ho protestato, mettendo in gioco tutta la mia vivacità dialettica, le parole più convincenti, gli esempi più calzanti, ma capivo che non riuscivo a convincerla. Peggio: capivo che non riuscivo a convincere nemmeno me stesso. Capivo che quella ragazzina aveva espresso un pensiero brutale, orrendo, insopportabile, ma che fotografava in pieno ciò che sta accadendo nella mente dei giovani, nel nostro mondo.

A quindici anni ci si può già sentire falliti, parte di un continente sommerso che mai vedrà la luce, puri consumatori di merci perché non c'è alcuna possibilità di essere protagonisti almeno della propria vita. Un tempo l'ammirazione per le persone famose, per chi era stato capace di esprimere - nella musica o nella letteratura, nello sport o nella politica - un valore più alto, più generale, spingeva i giovani all'emulazione, li invitava a uscire dall'inerzia e dalla prudenza mediocre dei padri. Grazie ai grandi si cercava di essere meno piccoli. Oggi domina un'altra logica: chi è dentro è dentro e chi è fuori è fuori per sempre. Chi fortunatamente ce l'ha fatta avrà una vita vera, tutti gli altri sono condannati a essere spettatori e a razzolare nel nulla.

Si invidiano i vip solo perché si sono sollevati dal fango, poco importa quello che hanno realizzato, le opere che lasceranno. In periferia ho conosciuto ragazzi che tenevano nel portafoglio la pagina del giornale con le foto di alcuni loro amici, responsabili di una rapina a mano armata a una banca. Quei tipi comunque erano diventati celebri, e magari la televisione li avrebbe pure intervistati in carcere, un giorno.

Questa è la sottocultura che è stata diffusa nelle infinite zone depresse del nostro paese, un crimine contro l'umanità più debole ideato e attuato negli ultimi vent'anni. Pochi individui hanno una storia, un destino, un volto, e sono gli ospiti televisivi: tutti gli altri già a quindici anni avranno solo mutande firmate da mostrare su e giù per la Tuscolana e un cuore pieno di desolazione e di impotenza.

(Repubblica, 18 ottobre 2004) 

Noi, ragazzi di oggi

Come aiutare gli adulti a conoscerci? Beh, dopo le ultime accuse a noi giovani credo sia un’impresa davvero difficile. Ma credo anche se ognuno di noi si raccontasse almeno un po', la questione si farebbe meno complessa. E quindi eccomi qui a dare il mio contributo.

Ho 17 anni e tante passioni, la più accesa sicuramente quella per lo scrivere. Scrivere è la mia vita, un modo per sfogarmi, per rasserenarmi, per comunicare emozioni che provo e che ritengo degne di essere trasmesse. Ho scritto numerose poesie che hanno letto in pochi, ma che sono il mio tesoro, sono un ricordo che continuerà a vivere per sempre. Anche per questo scrivo, per essere certa che i momenti magici che ho vissuto continuino a vivere su fogli che per me non sono solo pagine strappate da quaderni, sono piccoli frammenti della mia storia.

Oltre a scrivere adoro la musica, espressione di qualsiasi sentimento si possa provare: dalla gioia alla tristezza, dall'amore all'odio. Amo suonare il mio flauto traverso per perdermi nei suoi dolcissimi suoni, amo suonare la chitarra per potermi accompagnare nel canto, altra mia grande passione. Cantare per me è come scrivere, mi emoziono facendolo e, a volte, emoziono anche chi mi ascolta.

Ma noi giovani oltre ad avere molte passioni,cosa che molti adulti non credono possibile, proviamo anche sentimenti fortissimi. Ero solo in quinta elementare quando presi un 'cotta' per un amico di mio fratello di 4 anni più grande di me. Per me era solo un sogno irraggiungibile e la 'cotta' bruciava sempre di più. Quattro anni fa quel sogno è diventato realtà. Ero fuori di me per la felicità e ogni volta che lo vedevo avevo il cuore in gola e mi sentivo sempre più innamorata. In quel periodo, molti adulti (i vari parenti) mi dicevano: 'A 14 anni cosa vuoi che sia, non può essere amore'. Io mi sentivo morire perché per me era proprio quello e con la A maiuscola. Dopo 7 mesi, vissuti da me ogni giorno con i piedi a due metri da terra, scopro che ha un'altra. Ho conosciuto l'odio a soli 14 anni e non c'è cosa peggiore che odiare chi non si ha mai smesso di amare. E adesso? Domani, il 29, saranno 2 anni e 3 mesi che stiamo insieme. Ora siamo solo io e lui, nessun tradimento, ci confidiamo tutto e abbiamo un rapporto stupendo che pochi adulti pensano possibile a 17 anni.

Dopo questa esperienza posso assicurare che fidarsi di una persona che abbiamo tanto amato e che ci ha tanto feriti è davvero difficile e che se ci riusciamo, a 17 anni, non siamo così vuoti come ci ha descritti Marco Lodoli nel suo articolo pubblicato su 'Repubblica' il 18 ottobre scorso. Non penso di essere l'unica adolescente che ha forti passioni, sete di cultura e che prova sentimenti importanti come l'amore, come l'odio. E allora perché? Perché tutte le persone che hanno letto quell'articolo hanno anche solo l'occasione di immaginare la mia generazione in quel modo distorto accusato da Lodoli?

Provo disprezzo per giovani come me che riescano anche solo a pensare di uccidere qualcuno, ma credo anche che siano quelli che hanno maggior bisogno d'aiuto e di persone che invece di accusarli, cerchino di capirli e soprattutto di far capire loro l'oscenità del reato che hanno commesso. Spero che queste mia parole possano essere d'aiuto a chi le leggerà per poterci conoscere meglio,ma purtroppo so che non potranno aiutare persone come Marco Lodoli o chiunque possa avere pensieri del genere sui giovani di oggi.

Di Loreto Cristina

La vita bassa dei teenager “stregati dai protagonisti tv”

di LAURA LAURENZI

La vita bassa per essere qualcuno, per non lasciarsi risucchiare dall'anonimato. E' andato a toccare un nervo scoperto l'articolo di Marco Lodoli uscito l'altro ieri su Repubblica. Infuriano le polemiche su quotidiani, in televisione, su internet, nelle scuole. Amaro, anzi tetro è il paesaggio umano sul cui sfondo si muove la quindicenne studentessa che dice al professore, a Lodoli: 'Non ha capito che oggi solo pochissimi possono permettersi di avere una personalità? I cantanti, i calciatori, le attrici, la gente che sta in televisione... tutti gli altri non sono niente e non saranno mai niente... La nostra sarà una vita inutile'. E ancora: 'Noi possiamo solo comprarci delle mutande uguali a quelle di tutti gli altri, non abbiamo nessuna speranza di distinguerci'.

Davvero un paio di mutande griffate, al quartiere Tuscolano di Roma come nel resto d'Italia, può fare la differenza fra essere e non essere, può rappresentare il salvacondotto e garantire una personalità anche se 'usata' o 'copiata'? Davvero a 15 anni si pensa di poter emergere dal 'continente sommerso che mai vedrà la luce' solo aspirando a fare la velina o il calciatore o il Grande Fratello?

Lodoli è tornato a discuterne lunedì sera in tv nella rubrica del Tg3 'Primo piano' confrontandosi con Roberto D'Agostino, il quale ha sostenuto con veemenza tesi diametralmente opposte alle sue. 'Lodoli è di un moralismo irritante - dice ora D'Agostino - per dieci anni abbiamo indossato una divisa ideologica con tanto di eskimo e ora andiamo a dire agli altri che non dobbiamo stare in divisa?'

Critiche arrivano anche dal Secolo d'Italia, quotidiano di An, che ieri scriveva: 'Siamo alle solite, con i soliti professori para-girotondini che non riescono a trattenere il loro razzismo antropologico per la gente normale, per i ragazzi normali, per quel Paese normale che, pure, dicono di voler rappresentare'. L'Avvenire sostiene che 'non basta la tv a spiegare il raggelante nulla' dell'allieva di Lodoli: 'Quel manifesto nichilista, tanto inconsapevole quanto lucente di vera disperazione, recitato in classe davanti a tutti, ha il senso di una domanda: che qualcuno mi veda, che mi riconosca, che qualcuno mi voglia bene'.

Elisabetta Bolondi, insegnante di lettere all'Istituto Carlo Levi al Tuscolano, dunque collega e vicina di Lodoli, osserva che 'non tutti gli studenti sono così. Sta agli adulti, agli insegnanti, ai genitori, tirargli fuori le cose che hanno dentro. E che i ragazzi tengono nascoste per desiderio di omologazione ma soprattutto per la paura di essere presi in giro, di essere l'oggetto di sarcasmo dei compagni'.

Sul forum aperto da Repubblica.it sul tema 'La vita bassa per essere qualcuno' si è riversata un'alluvione di oltre duemila messaggi, scritti soprattutto da adulti, genitori e insegnanti ma non solo. Qualche frase: 'Mi sembrate un po' bigotti! Ma uno sarà libero di vestirsi come gli pare?' 'Una soluzione c'è: buttate il televisore... Orientate i vostri figli allo studio, alla ricerca, ai valori veri!!!'. 'Basta sottovalutarci e piangerci addosso... stiamo diventando un 'branco' di patetici e di amorfi, forse coloro che si distinguono sono quelli che sanno ancora ridere'.

Le voci contro sono la maggioranza. 'I cantanti, i calciatori, la gente che sta in tv, loro esistono veramente. Bella roba... e tutti gli altri non esistono? Io esisto, e dei famosi della televisione me ne strafrego...'. 'Gli adolescenti si sentono inutili e insignificanti perché la società continua a trasmettere valori insignificanti'. Non mancano parole di speranza: 'Alzate la testa ragazzi, non rinunciate al vostro futuro...'.

Così come non manca il sarcasmo: 'Reintroduciamo le uniformi, ragazzi tutti in giacca e cravatta, ragazze con camicette e gonne'. Ma l'omologazione a qualcuno sembra una via d'uscita tutto sommato onorevole: 'Seguire una moda e scegliere di vestire come la maggior parte dei propri coetanei aiuta a sentirsi integrati in un gruppo'.

Numerosissime anche le lettere al nostro quotidiano. Scrive Grazia Russo-Lassner: 'Ho rimpiazzato la logica del 'ho, dunque esisto', con quella del dare e progettare per sentirsi vivi'. Ed esorta: 'Professore, la prego, cerchi di diffondere messaggi di ottimismo ai nostri figli'. Per Giampaolo Castellano 'una ragazza che a quindici anni non sogna non è un modello di giovane di oggi'. Carlo Molinaro sottolinea come 'nell'adolescenza l'impulso di uniformarsi al gruppo o a un gruppo è fisiologica ed è così da secoli. Crescendo poi si impara, quasi sempre, la splendida unicità della propria irripetibile vita'.

(Repubblica, 20 ottobre 2004)

Redazione GXG (a cura di)

  • testo
  • articolo
  • redezione GxG
  • educatori
  • animatori
  • giovani
  • adulti
  • moda

Mucha Suerte Versione app: 513c99e