Donboscoland

Censura preventiva e disinformazione in salsa referendaria

E' l'ennesima dimostrazione che ai referendari e ai loro amici non interessa la verità, che non c'è la possibilità di un confronto onesto, alla pari, e che questi referendum sono un imbroglio. Anche per questo NON ANDIAMO A VOTARE!


Censura preventiva e disinformazione in salsa referendaria

da Quaderni Cannibali

del 29 maggio 2005

La linea di Comitati Referendari & C. è chiara: le notizie che possono danneggiare la propaganda referendaria non devono passare, ma se proprio non si può tacere, si minimizzi, insinuando dubbi sulla reale portata delle novità.

Un perfetto esempio è la notizia battuta dalle agenzie a partire dal pomeriggio di giovedì scorso, con riferimento a un articolo apparso sul settimanale inglese New Scientist:

 

'Un gruppo di ricerca americano ha annunciato la creazione di 10 linee di cellule staminali embrionali ottenute senza passare per la produzione di embrioni. [...] Entusiasta della ricerca si e' detto il biologo molecolare Angelo Vescovi dell'istituto San Raffaele di Milano: 'se il metodo funziona abbiamo risolto definitivamente il problema etico producendo staminali embrionali senza dover creare embrioni'.' (ANSA)

 

Come è stata riportata questa notizia sui mezzi di comunicazione?

Sul Corriere della Sera di venerdì un articoletto di una colonna a pagina 6 (niente richiamo in prima), su Repubblica solo un minuscolo trafiletto su un fatto che potrebbe cambiare completamente il panorama della ricerca nel settore delle staminali embrionali, rendendo inutile la produzione di embrioni umani destinati a essere 'sacrificati' come fabbriche di staminali.

Sui rispettivi siti Web e nei TG, il nulla assoluto.

 

Visto il grande spazio che, invece, era stato dedicato all'annuncio della clonazione coreana, che in realtà - da un punto di vista scientifico - era una non notizia, si tratta di una indifferenza estremamente sospetta. Ma forse sono troppo occupati nel diffondere le reazioni isteriche di radicali e soci, reazioni che si verificano puntualmente quando qualcuno osa esprimere un'opinione diversa dalla loro. Come sono liberali!

 

Chi ne parla, poi, fa ridicoli salti mortali con triplo avvitamento per sminuire la portata dell'evento.

Si veda, per esempio, il sito dell'Aduc (Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori), dichiaratamente a favore dell'uso di embrioni umani a scopo di ricerca.

Le dichiarazioni entusiastiche di Vescovi sono state 'integrate' dal seguente inciso della redazione:

'[Ricordiamo che il lavoro di Verlinsky parte dall'utilizzo di cellule embrionali, e pur non creando nuovi embrioni non crediamo che sarebbero davvero risolti tutti i problemi etici, ndr]'.

Tutto d'un colpo si preoccupano dei 'problemi etici', loro, che fino al giorno prima catalogavano come bigotti integralisti chi osava avanzare qualche dubbio in materia.

Ma chi pensano di prendere in giro?

E' evidente che il problema etico principale è dato dalla creazione di NUOVI embrioni, non dall'uso di linee cellulari già esistenti, o provenienti da feti abortiti naturalmente.

Infine la ciliegina sulla torta:

'Ma i dubbi riguarderebbero anche l'effettiva capacita' delle nuove cellule di differenziarsi come delle vere e proprie embrionali e inoltre il rischio che le cellule possano formare il cancro'.

Come se lo stesso discorso non valesse per qualsiasi staminale embrionale!

Ma quando lo diciamo noi siamo oscurantisti...

Normali esercizi di disinformazione nel regime del totalitarismo relativista.

E' l'ennesima dimostrazione che ai referendari e ai loro amici non interessa la verità, che non c'è la possibilità di un confronto onesto, alla pari, e che questi referendum sono un imbroglio.

Anche per questo NON ANDIAMO A VOTARE!

http://www.nonsivota.splinder.com

Mucha Suerte Versione app: 513c99e