News 5

Bersaglio scuola (Statale e cattolica)

Studenti e docenti scendono in piazza per protestare contro i tagli, ma sanno cosa stanno fronteggiando? Quelle che vengono presentate come spiacevoli decisioni dovute a contingenze economiche, sono invece l'impalcatura su cui si costruisce il progetto di una scuola asservita alle élite.


Bersaglio scuola (Statale e cattolica)

da Quaderni Cannibali

del 28 novembre 2012 

Quelle che vengono presentate come spiacevoli decisioni dovute a contingenze economiche, sono invece l’impalcatura su cui si costruisce il progetto di una scuola asservita alle élite.

Neanche per chi ci lavora e conosce la situazione dall’interno è facile districarsi nella serie di provvedimenti che ruotano intorno alla scuola, e tanto meno capire quale sia il modello verso cui ci stiamo dirigendo. E’ allora possibile provare a farsi un’idea andando a vedere cosa accade nel modello culturalmente dominante in occidente, in Inghilterra, il Paese le cui mode e tendenze prima o poi finiscono per affermarsi in tutto il mondo.

Quello che accade nella scuola inglese è stato efficacemente descritto in un articolo intitolato Niente scuola, siamo inglesi pubblicato il 30 settembre scorso sul Sole 24ORE:

Quello della scuola inglese è un mito da sfatare: solo un certo provincialismo italico ci fa pensare che sia un modello imbattibile e da imitare. Non parliamo qui dei curricula e della didattica, ma del sistema scolastico. L’eccellenza inglese molto probabilmente è migliore dell’eccellenza italiana, perché è una scuola più moderna nei contenuti e più agile nei metodi di apprendimento. Ma nel Regno Unito l’istruzione d’eccellenza è quella privata.

Nella pubblica il livello è così basso che ogni anno si moltiplicano gli appelli e le campagne per la scolarizzazione: un bambino di 11 anni che esce dalla primaria pubblica ha lo stesso livello di preparazione di un bambino di 7/8 anni della privata.

Nell’articolo viene dunque segnalata una crescente separazione tra le classi sociali, viene dipinta una realtà dove la scuola statale è progressivamente svuotata e impoverita mentre le scuole riservate alle classi sociali elevate forniscono alti standard di preparazione che aprono le porte verso gli studi universitari e i posti dirigenziali.

Ma arrivati a questo punto non bisogna far l’errore di pensare che le scuole private inglesi siano come quelle italiane, da noi la scuola privata non è una scuola elitaria, la scuola cattolica in particolare ha le sue radici nell’800, nell’istruzione quasi sempre gratuita offerta a tutte le classi sociali. E ancora oggi la scuola cattolica, che per poter operare necessita del pagamento di una retta, non rappresenta una scuola per le classi elevate più di quanto non lo rappresentino le scuole statali.

Se l’intento è poter seguire il modello inglese, le scuole cattoliche sono quindi un ostacolo, infatti, nonostante la quasi totale mancanza di sostegno statale, le rette richieste consentono la frequenza di tutte classi sociali, e in più le scuole cattoliche hanno a loro sfavore proprio quel così poco “politically correct” appellativo di “cattoliche”.

Ecco allora che parallelamente allo smantellamento della scuola statale si procede a quello delle scuole paritarie (spesso cattoliche). Il meccanismo è semplice, spingerle verso l’insostenibilità economica, in poche parole verso il fallimento. Ovviamente niente che sia così manifesto da sollevare troppe proteste, deve trattarsi di una morte naturale, una fine rispettosa dei canoni darwiniani della selezione naturale.

I punti su cui agire sono semplici: aumentare i costi e diminuire il numero degli iscritti.

Sull’aumento dei costi l’ultima mossa è stata proprio di questi giorni, il riferimento è all’introduzione dell’IMU sulle scuole paritarie, con la risibile eccezione di quelle che richiedono un corrispettivo “simbolico”, come riportato sul Corriere della Sera nell’articolo Le scuole paritarie non pagheranno l’Imu solo se la retta è simbolica.

Peccato che spese e stipendi non siano simbolici.

Sul versante della riduzione degli iscritti la crisi economica voluta dai banchieri della BCE sta già dando i suoi frutti inducendo alcune famiglie a tagliare i bilanci, ma un ulteriore “aiuto” può certamente giungere dall’inserimento delle rette nel redditometro, e c’è da stare certi che ci sarà chi, comprensibilmente, non lo gradirà.

Ma l’operazione viene completata deformando la realtà e dipingendo appunto le scuole paritarie come scuole per ricchi largamente sovvenzionate dallo Stato, anziché come scuole sussidiarie che con la loro presenza fanno risparmiare allo Stato centinaia di milioni di euro. E a dirlo deve essere una deputata del PD per “giustificare” davanti ai propri elettori il perché di un parziale finanziamento di 223 milioni alle scuole paritarie:

A festeggiare è, in particolar modo, la presentatrice della proposta Simonetta Rubinato (che ha un doppio incarico: sindaco di Roncade e deputata) del Pd: 

«I relatori hanno accolto il  mio suggerimento di far escludere questa somma dal patto di stabilità, trovando copertura nel fondo per la compensazione degli effetti finanziari, rendendola così effettivamente erogabile. E il governo è stato battuto. Una battaglia vinta a favore delle famiglie e in particolare della rete delle scuole paritarie che fa risparmiare allo Stato ogni anno, solo in Veneto, 500 milioni di euro». 

Pubblico giornale 26 novembre 2012

Ecco dunque la verità, con le scuole paritarie lo Stato risparmia cifre ingenti e il loro sostegno sarebbe un’operazione molto vantaggiosa per le finanze, un sostegno che potrebbe essere fatto di esenzione IMU, di esclusione dal redditometro e di detrazione almeno parziale delle rette versate, fatto di cui si gioverebbero le famiglie, non le scuole.

Invece in questi giorni vengono additate le scuole paritarie come origine dei problemi per la scuola statale, e così con provvedimenti penalizzanti si potrà giungere in tempi relativamente brevi alla chiusura delle realtà più fragili. Potranno invece resistere solo le scuole dove va chi può spendere cifre rilevanti, sarà allora che la scuola paritaria per ricchi, quella che adesso è un’eccezione, sarà realizzata.

Anche noi potremo allora avere scuole private per le élite, scuole da 40.000 euro l’anno:

Ecco un altro grappolo di numeri che fanno riflettere: negli ultimi tre anni cinque super scuole da sole hanno mandato a Oxbridge (Oxford e Cambridge) più studenti che altri 2.000 istituti meno blasonati tutti messi insieme. Di queste cinque super scuole, quattro sono private (Eton, St Paul’s, Westminster e St Paul’s Girls). La retta di Eton (che è la boarding school più esclusiva del Regno) è sulle 35mila sterline l’anno, 40mila euro. Le altre sono day school di Londra, con tasse scolastiche variabili dalle 19mila alle 25mila sterline annue (da 23 mila a 30 mila); sport, musica e attività extracurriculari esclusi.

Una definizione di “Guerra” di Sun tsu, del V secolo a.C. è quella che la identifica con l’inganno: 

Sun-tzu intuì che ingannando l’avversario sulle vere intenzioni, sui piani, sulle forze e sulle proprie manovre lo si induce a prendere decisioni sbagliate e quindi a essere sconfitto da se stesso.

Gen. F. Mini – Perché siamo così ipocriti sulla guerra?

Speriamo che la protesta non prenda direzioni sbagliate, che non porti la scuola verso il punto prefissato da altri, da chi non vuole che assolva alla sua funzione.

Enzo Pennetta

http://www.enzopennetta.it

  • enzo pennetta
  • testo
  • articolo
  • giovani
  • adulti
  • insegnanti
  • studenti
  • genitori
  • scuola

 

Mucha Suerte Versione app: f1cd754