Donboscoland

Amare i poveri

'Se ci vuol tanto bene, a noi poveri, perché non ci fa tutti ricchi?'.Ricchi! E diciamo questa magica parola, come se dicessimo: felici!Se la ricchezza fosse sinonimo di felicità, avremmo ragione di dire a Cristo: 'Che ne facciamo di un onore e di una dignità che non rendono?'. Ma non è così...


Amare i poveri

da L'autore

del 01 luglio 2009

 

La nostra grande colpa come cristiani non è che dopo duemila anni ci siano ancora dei poveri, ma che sia umiliante e vergognoso fare il povero in terra cristiana, e che qualche forma della nostra carità ne abbia ribadito la vergogna. Metterli davanti, ai primi posti, una volta tanto: potrebbe anche essere una messa in scena.

 

Mi pare che ci fosse un giorno dell'anno in cui gli stessi schiavi venivano serviti a tavola dai padroni. Ma il giorno appresso si era da capo. Gesù li mette davanti; ma c'è anche lui coi poveri, povero come tutti e dì più. Egli non è uno spettatore: fa il povero, è il Povero. E l'onore e la dignità gliel'ha confermata al povero in questa maniera: non genericamente, alla povertà, ma a ciascuno, poiché egli è in ciascuno che ha fame e sete, che è senza casa e senza vestito, malato e prigioniero... come in un ostensorio.

 

L'ostensorio viene portato dal sacerdote più in alto in gerarchia. Il povero che porta l'ostensorio di Cristo non è più l'ultimo, ma il primo; e allora lo si mette a tavola e si è felici di servirlo, perché da questo servizio dipende la nostra salvezza.

 

'Se ci vuol tanto bene, a noi poveri, perché non ci fa tutti ricchi?'.

Ricchi! E diciamo questa magica parola, come se dicessimo: felici!

Se la ricchezza fosse sinonimo di felicità, avremmo ragione di dire a Cristo: 'Che ne facciamo di un onore e di una dignità che non rendono?'.

 

Ma non è così. E dell'illusione che ci manca, ci compensa col metterci al primo posto ovunque, in chiesa e in paradiso. E 'perché non veniamo meno lungo la via', dice agli altri, che si sono fatti padroni dei beni di tutti, che non li possono tenere o che li possono tenere solo al patto che siano di tutti e che li amministrino come fa la mamma, che prima serve i figliuoli e, se n'avanza, quel poco che sopravanza, se lo tiene. Il di più è per i figliuoli, lo dà ai figliuoli.

 

Non so se questo è il significato comune della parola del Signore: 'Il di più datelo ai poveri'. So però che quando nel nostro cuore entra un grande amore, l'ultimo posto è il nostro, e la misura 'non misurata, scossa, sovrabbondante' va a finire dove pure il nostro cuore riposa. Gesù, con noi poveri, ha fatto così: i santi hanno fatto così.

 

Chi ama Cristo nei poveri non conosce certe difficoltà esegetiche, che sono piuttosto del cuore che del linguaggio. Quando il cuore non vuole capire, allora ci si fa precedere dalla ragione, che assai di rado capisce le ragioni che solo il cuore può capire.

 

 

Il compagno cristo [1945], Edizioni Dehoniane, Bologna 1977

Mucha Suerte Versione app: 513c99e