News 2

Abbiamo bisogno di conferme o di fiducia?SERIE: D'amore si muore, di speranza si...

I farisei non si fidano di Gesù, non vogliono uscire dai loro schemi. Sono di fronte a una novità che esige da loro un cambiamento di mentalità, ma stanno nelle loro sicurezze. Non si buttano in questa avventura del regno, vogliono essere garantiti, scambiano la vita per un teorema.


Abbiamo bisogno di conferme o di fiducia?SERIE: D'amore si muore, di speranza si vive

da L'autore

del 07 novembre 2006

 

AUDIO

 

Nella nostra cultura della dimostrazione razionale cerchiamo sempre conferme per tutto. Quando andiamo a far la spesa vogliamo essere garantiti di quello che si acquista, giustamente; non comperiamo mai a scatola chiusa. Quando facciamo degli contratti vogliamo avere la certezza di non essere imbrogliati, ci informiamo su tutto. Nel mondo scientifico si procede per ipotesi e tesi, per idee che paiono plausibili e per conclusioni cui si giunge con attenta dimostrazione. La scienza è costruita proprio così. I postulati sono molto pochi, preferiamo fare ipotesi da dimostrare.

Gesù si trova di fronte gente che gli domanda prove; ma lui non sta collocando nessuna merce, non sta facendo nessun affare, non sta operando contratti e vendite: sta offrendo una visione di vita, sta aiutando gli uomini a guardarsi dentro e a lasciarsi prendere dall’amore. L’amore non si conferma o si dimostra con le prove, ma con una affidamento, con la fiducia. Pensiamo se tra ragazzo e ragazza vigesse il dovere della prova, come purtroppo si tenta di fare. E’ la tomba dell’amore. Se tra marito e moglie i rapporti fossero decisi dalla razionalità soltanto, da ipotesi e tesi, da elenchi di cose che tu hai fatto per me e di cose che io ho fatto per te. Certo occorre trovare una intesa, ma è più profonda di una sequenza logica, più ampia, più rischiosa e più viva.

I farisei non si fidano di Gesù, non vogliono uscire dai loro schemi. Sono di fronte a una novità che esige da loro un cambiamento di mentalità, ma stanno nelle loro sicurezze. Non si buttano in questa avventura del regno, vogliono essere garantiti, scambiano la vita per un teorema. Vogliono solo che tutto entri nei cassetti della loro piccola razionalità e non capiranno mai l’amore di Dio. Hanno una logica ferrea, ma sono come gli adolescenti che litigano col papà, che tagliano il capello in due, ma sotto questo taglio non c’è la vita c’è solo un puntiglio.

La fede è un atto onesto intellettualmente e sensato umanamente. Gesù si affida non si impone. Se vuoi credere devi fare un passo libero non costretto da logica ferrea. E’ un passo di speranza oltre ogni calcolo e sicurezza.

Ma dove trovo questa speranza?

 

 

mons. Domenico Sigalini

Mucha Suerte Versione app: 513c99e