Donboscoland

21 volte la parola “vita”! Così si è presentato B16... da Giovani per i Giovani

Questa volta la pagina formativa la lasciamo al nostro nuovo pontefice Benedetto XVI. Vogliamo così subito metterci in ascolto del suo magistero. E intanto gli auguriamo... buon lavoro.


21 volte la parola “vita”! Così si è presentato B16... da Giovani per i Giovani

da GxG Magazine

del 07 maggio 2005

21 volte la parola “vita”

20 volte la parola “Cristo”

5 volte l’espressione “La chiesa è viva”

Così si è presentato B16 !

 

 

Questa volta la pagina formativa la lasciamo al nostro nuovo pontefice Benedetto XVI. Vogliamo così subito metterci in ascolto del suo magistero. E intanto gli auguriamo… buon lavoro.

 

Dall’Omelia per l'Inaugurazione del Pontificato

(i numeri riportati nel titolo si riferiscono a questa omelia)

 

Cari amici! In questo momento non ho bisogno di presentare un programma di governo. Qualche tratto di ciò che io considero mio compito, ho già potuto esporlo nel mio messaggio di mercoledì 20 aprile; non mancheranno altre occasioni per farlo. Il mio vero programma di governo è quello di non fare la mia volontà, di non perseguire mie idee, ma di mettermi in ascolto, con tutta quanta la Chiesa, della parola e della volontà del Signore e lasciarmi guidare da Lui, cosicché sia Egli stesso a guidare la Chiesa in questa ora della nostra storia.

 

Sì, la Chiesa è viva - questa è la meravigliosa esperienza di questi giorni. Proprio nei tristi giorni della malattia e della morte del Papa questo si è manifestato in modo meraviglioso ai nostri occhi: che la Chiesa è viva. E la Chiesa è giovane. Essa porta in sé il futuro del mondo e perciò mostra anche a ciascuno di noi la via verso il futuro. La Chiesa è viva e noi lo vediamo: noi sperimentiamo la gioia che il Risorto ha promesso ai suoi. La Chiesa è viva - essa è viva, perché Cristo è vivo, perché egli è veramente risorto.

 

Così, oggi, io vorrei, con grande forza e grande convinzione, a partire dall'esperienza di una lunga vita personale, dire a voi, cari giovani: non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla, e dona tutto. Chi si dona a lui, riceve il centuplo. Sì, aprite, spalancate le porte a Cristo – e troverete la vera vita.Dalla prima Udienza in Aula Paolo VIHo voluto chiamarmi Benedetto XVI per riallacciarmi idealmente al venerato Pontefice Benedetto XV, che ha guidato la Chiesa in un periodo travagliato a causa del primo conflitto mondiale. Fu coraggioso e autentico profeta di pace e si adoperò con strenuo coraggio dapprima per evitare il dramma della guerra e poi per limitarne le conseguenze nefaste.

 

 

 

 

 Il nome Benedetto evoca, inoltre, la straordinaria figura del grande “Patriarca del monachesimo occidentale”, san Benedetto da Norcia, compatrono d’Europa insieme ai santi Cirillo e Metodio. Di questo Padre del Monachesimo occidentale conosciamo la raccomandazione lasciata ai monaci nella sua Regola: “Nulla assolutamente antepongano a Cristo” (Regola 72,11). All’inizio del mio servizio come Successore di Pietro chiedo a san Benedetto di aiutarci a tenere ferma la centralità di Cristo nella nostra esistenza. Egli sia sempre al primo posto nei nostri pensieri e in ogni nostra attività! 

Redazione GxG

Mucha Suerte Versione app: 513c99e